venerdì 30 dicembre 2016

partecipazioni apatiche

Entra nello scompartimento e dice a voce alta : “Un attimo d’attenzione!”
Imbraccia la chitarra che porta con se’ e comincia cantare con bella voce un pezzo evidentemente di sua produzione, una canzone di denuncia, piena di malinconica rassegnazione. Applausi stanchi del popolo pendolare ma sono le sei di sera e non ci si può aspettare da noi un entusiasmo sanremese. Il ragazzo con modi gentili  spiega: “La canzone s’intitola “Partecipazioni apatiche” e la trovate sul mio canale you tube. Vuol essere una denuncia della nostra incapacità di capire chi ci sta vicino.”




Sicuro di aver meritato anche stasera il titolo della canzone, se ne va raccogliendo i pochi spiccioli che gli offriamo.
Poco dopo entra il controllore: “E’ passato il ragazzo con la chitarra? Gli ho detto di scendere e temo non l’abbia fatto”.
Quasi in coro gli diciamo "No, non l'abbiamo visto."
Appena il controllore esce sorridiamo tutti, guardandoci. Siamo un vagone di “partecipazioni empatiche” molto unito. Peccato che il cantante triste non possa saperlo.




Nessun commento:

Posta un commento